Salvini blinda i confini orientali: respinti brutalmente 1144 clandestini

Salvini blinda i confini orientali: respinti brutalmente 1144 clandestini

Condivisione sui social networks
loading…



FONTE

Salvini blinda i confini orientali: respinti brutalmente 1144 clandestini

Sono 1.144 i clandestini rintracciati dalla Polizia lungo la frontiera orientale tra le province di Trieste e Gorizia, dove preme l’onda asiatica che percorre i Balcani verso nord.

La polizia di frontiera ha controllato oltre 2600 veicoli, ha effettuato 24 respingimenti alla frontiera, un ingente numero di arresti e ha sequestrato 125 chili di droga.
“Sono solo una parte – si legge nella nota del Viminale – dei numeri conseguiti nei primi mesi dell’anno dalle questure di Trieste e Gorizia nel contrasto alle attività illecite transfrontaliere e per la lotta all’immigrazione irregolare”.

loading…


Dopo l’insediamento di Matteo Salvini, la frontiera orientale non è più sguarnita. A controllare le frontiere di Trieste, per esempio, adesso ci sono la polizia di Frontiera, la Polfer, la Stradale, il Reparto prevenzione crimine di Padova, i carabinieri e la Guardia di finanza. Senza dimenticare il personale della Questura, la Squadra mobile e la Digos. Prima impegnata a cacciare inesistenti razzisti.

Le nuove disposizioni del Viminale, scrive il quotidiano locale Il Piccolo, sono visibili: “I confini sono monitorati secondo le disposizioni che abbiamo ricevuto”, racconta Chiara Ippoliti, vice dirigente dell’Upgsp (Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico). “Il fenomeno va gestito, perché i migranti non possono essere dei fantasmi che vagano sul territorio e di cui non si sa nulla. Sono persone che vanno identificate e tracciate”. E rimandate a casa. Loro.

La polizia ne ha fermati 200 in venti giorni al confine con la Slovenia. Alcuni sono stati rispediti in Lubiana, altri espulsi. Una parte invece ha chiesto asilo e i presunti minori sono stati accompagnati nei centri di accoglienza. E anche questo è un problema che Salvini dovrà risolvere: non può bastare “chiedere asilo” per rimanere in Italia.

loading…


Navigando sul sito "Telegiornale" acconsenti all'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

loading...